Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Trapianto allogenico di cellule emopoietiche versus chemioterapia di consolidamento standard nei pazienti con leucemia mieloide acuta a rischio intermedio


La strategia post-remissione ideale nella leucemia mieloide acuta ( AML ) a rischio intermedio nella prima remissione completa ( CR ) è stata oggetto di dibattito.

È stata determinata la terapia ottimale per i pazienti con leucemia mieloide acuta a rischio intermedio dopo la prima remissione completa in uno studio clinico randomizzato di fase 3, in aperto, a 2 bracci, che ha valutato pazienti in 16 ospedali in Germania dal 2011 al 2018.

I criteri chiave di ammissibilità includevano la leucemia mieloide acuta citogeneticamente definita a rischio intermedio secondo la classificazione del Medical Research Council, prima remissione completa o remissione completa con recupero incompleto della conta delle cellule del sangue dopo la terapia di induzione convenzionale, età compresa tra 18 e 60 anni e disponibilità di un fratello abbinato per antigene leucocitario umano ( HLA ) o donatore non-imparentato.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere trapianto allogenico di cellule ematopoietiche ( HCT ) o Citarabina ad alte dosi per il consolidamento. e trapianto allogenico di cellule ematopoietiche di salvataggio solo in caso di recidiva.

Gli strati per la randomizzazione includevano l'età ( 18-40 vs 41-60 anni ), lo stato di variazione di NPM1 e CEBPA e il tipo di donatore ( non-imparentato versus imparentato ).

Gli endpoint includevano la sopravvivenza globale come esito primario e la sopravvivenza libera da malattia, l'incidenza cumulativa di recidiva, la mortalità correlata al trattamento e la qualità di vita misurata secondo MDS-SF-36 ( Medical Outcomes Study 36-Item Short-Form Health Survey ) come esiti secondari.

In totale sono stati randomizzati 143 pazienti ( età media, 48.2 anni; 81 maschi, 57% ) con leucemia mieloide acuta che soddisfacevano i criteri di ammissibilità.

Nell'analisi per intention-to-treat ( ITT ), la probabilità di sopravvivenza a 2 anni è stata del 74% dopo trapianto allogenico di cellule ematopoietiche primario e dell'84% dopo chemioterapia di consolidamento ( P=0.22 ).

La sopravvivenza libera da malattia dopo trapianto allogenico di cellule ematopoietiche a 2 anni è stata del 69% rispetto al 40% dopo la chemioterapia di consolidamento ( P=0.001 ).

Il trapianto allogenico di cellule ematopoietiche durante la prima remissione completa è stato associato a un'incidenza cumulativa di recidiva a 2 anni del 20% rispetto al 58% ( P minore di 0.001 ).

La mortalità senza recidiva 2 anni dopo trapianto allogenico di cellule ematopoietiche primario è stata del 9% e del 2% dopo la chemioterapia di consolidamento ( P=0.005 ).

Esiti simili sono stati osservati quando le analisi sono state limitate ai 96 pazienti a rischio intermedio secondo la classificazione dell'European Leukemia Network.
Tutti i 41 pazienti con recidiva dopo chemioterapia di consolidamento ( 36 ematologici, 4 molecolari e 1 extramidollare ) sono passati a trapianto allogenico di cellule ematopoietiche.

Non sono state osservate differenze significative nelle misurazioni della qualità di vita correlata alla salute tra i gruppi.

Il trapianto allogenico di cellule ematopoietiche primario durante la prima remissione completa non è stato associato a una sopravvivenza globale superiore rispetto alla chemioterapia di consolidamento nei pazienti di età pari o inferiore a 60 anni con leucemia mieloide acuta a rischio intermedio durante la prima remissione completa e con un donatore disponibile. ( Xagena2023 )

Bornhäuser M et al, JAMA Oncol 2023; 9: 519-526

Emo2023 Onco2023 Med2023



Indietro