Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare

Rischio di eventi avversi infettivi della terapia con Venetoclax per neoplasie ematologiche


Venetoclax ( Venclyxto ) è una piccola molecola inibitrice di BCL-2 utilizzata nel trattamento della leucemia mieloide acuta ( AML ) e della leucemia linfatica cronica ( CLL ).
Recenti studi post-marketing su Ibrutinib, un altro inibitore a piccole molecole, hanno suggerito che questi agenti possono predisporre a infezioni opportunistiche.

Sono state revisionate sistematicamente le prove di studi randomizzati e controllati su Venetoclax per valutare se predisponga i pazienti a eventi avversi infettivi ( IAE ) e neutropenia.

Sono stati revisionati sistematicamente studi randomizzati che hanno confrontato la terapia con Venetoclax con controlli attivi o placebo per pazienti con neoplasie ematologiche.

I dati sugli eventi avversi infettivi e sulla neutropenia sono stati raggruppati mediante meta-analisi bayesiana ed è stata calcolata la probabilità di qualsiasi aumento del rischio ( P rapporto di rischio RR superiore a 1 ) di eventi avversi infettivi o complicanze neutropeniche.

Sono stati inclusi 7 studi randomizzati, comprendenti 2.067 pazienti. Nella leucemia linfatica cronica ( n=1.032 ) è stata osservata una bassa probabilità di aumento del rischio di eventi avversi infettivi di alto grado ( P RR superiore a 1=71.2% ) e fatali ( P RR superiore a 1=64.5% ) e di neutropenia di alto grado ( P RR superiore a 1=63.4% ).

Non c’erano dati sufficienti per eseguire una meta-analisi degli eventi avversi infettivi nella leucemia mieloide acuta; tuttavia, 1 studio ha suggerito un aumento del rischio di eventi avversi infettivi con Venetoclax.

Inoltre, nella leucemia mieloide acuta ( n=642 ), Venetoclax è stato associato ad un'elevata probabilità di aumento del rischio di neutropenia di alto grado ( P RR maggiore di 1=94.6% ) e neutropenia febbrile ( P RR maggiore di 1=90.6% ).

I risultati hanno indicato che Venetoclax ha una bassa probabilità di aumento del rischio di eventi avversi infettivi o neutropenia nella leucemia linfatica cronica.

Per contro, è probabile un aumento del rischio di neutropenia di alto grado e neutropenia febbrile nella leucemia mieloide acuta.

È importante sottolineare che le analisi non hanno identificato alcun evento avverso infettivo specifico che trarrebbe beneficio dalla profilassi antimicrobica di routine o dai test preventivi. ( Xagena2024 )

Prosty C et al, Blood Adv 2024; 8: 857-866

Emo2024 Onco2024 Farma2024



Indietro