Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti Linfoma mantellare

L'impatto della terapia intensificata diretta sul sistema nervoso centrale sugli esiti neurocognitivi nei sopravvissuti alla leucemia linfoblastica acuta infantile trattata senza irradiazione cranica


I risultati del St Jude Total Therapy Study 16 ( Total 16 ) hanno mostrato che l'intensificazione precoce della tripla terapia intratecale ( ITT ) migliora il controllo della malattia del sistema nervoso centrale ( SNC ) per i bambini con leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) di nuova diagnosi a maggior rischio di recidiva del sistema nervoso centrale.
È stato esaminato l'impatto di questo trattamento sugli esiti neurocognitivi di fine terapia.

Tra il 2007 e il 2017, 400 dei 479 pazienti idonei ( 83.5%) trattati con chemioterapia orientata al rischio dello studio Total 16 hanno completato i test neurocognitivi diretti dal protocollo alla fine della terapia.
La tripla terapia intratecale intensificata è stata definita come 21 o più dosi cumulative per i pazienti con leucemia linfoblastica acuta a basso rischio ( n=70/194 ) e 27 o più dosi per quelli con leucemia linfoblastica acuta a rischio da standard ad alto ( n=81/206 ).

Rispetto alle aspettative normative sull'età, il gruppo complessivo aveva un significativamente più basso quoziente di intelligenza stimato ( P minore di 0.0001 ), attenzione ( P=0.0051 ), memoria di lavoro ( P=0.0001 ), velocità di elaborazione ( P=0.0002 ), buona velocità motoria ( P=0.0001 ) e matematica ( P=0.0087 ).

Le valutazioni del caregiver sulla funzionalità del paziente hanno mostrato un rischio elevato di problemi di attenzione ( P=0.0173 ), funzione esecutiva ( P=0.0001 ) e abilità adattive ( P=0.0001 ).

Nel gruppo di trattamento a basso rischio, non sono state riscontrate differenze significative tra i pazienti trattati con o senza tripla terapia intratecale intensificata ( tutti P superiore a 0.10).

Tra i pazienti con leucemia linfoblastica acuta a rischio da standard ad alto, quelli trattati con tripla terapia intratecale intensificata avevano una minore memoria di lavoro ( P=0.0328 ) e velocità motoria fine ( P=0.0403 ), e valutazioni elevate di disattenzione ( P=0.0189 ) e disfunzione delle capacità esecutive ( P=0.0245 ).

Nel gruppo a rischio da standard ad alto, le donne trattate con tripla terapia intratecale intensificata hanno presentato più bassi punteggi di memoria di lavoro.
L’assicurazione pubblica è stata associata a peggiori esiti neurocognitivi in ​​entrambi i gruppi di trattamento.

I pazienti con rischio da standard ad alto trattati con tripla terapia intratecale intensificata presentano un rischio moderatamente aumentato di problemi neurocognitivi.
I risultati hanno indicato un effetto soglia per l'esposizione a tripla terapia intratecale, che può informare la progettazione di futuri studi clinici e approcci al monitoraggio e all'intervento neurocognitivo. ( Xagena2022 )

Jacola LM et al, J Clin Oncol 2022; 40: 4218-4227

Emo2022 Onco2022 Neuro2022



Indietro