Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Celgene Ematologia

Il trattamento non-chemioterapico con la combinazione a base di Dasatinib, Blinatumomab e Prednisone, è efficace nella leucemia linfoblastica acuta PH+


La combinazione di Dasatinib ( Sprycel ), Blinatumomab ( Blincyto ) e Prednisone può essere efficace nel trattamento dei pazienti più anziani con leucemia linfoblastica acuta ( LLA ) con cromosoma Philadelphia positivo ( Ph+ ) [ LLA Ph+ ] che non sono buoni candidati per il trattamento chemioterapico intensivo.
Queste sono le conclusioni dello studio clinico S1318, condotto dal SWOG Cancer Research Network.

I pazienti con leucemia linfoblastica acuta Ph+ sono spesso trattati con chemioterapia intensiva, ma molti pazienti anziani, che non possono tollerare gli effetti collaterali di questo trattamento chemioterapico, ricevono un trattamento a base di inibitori della tirosin-chinasi ( TKI ) e di corticosteroidi.
Questi trattamenti a bassa intensità hanno portato a remissione della leucemia linfoblastica acuta in molti di questi pazienti, ma sono risultati meno efficaci nel prolungare i tempi di sopravvivenza libera da malattia ( DFS ).

Nel 2015 i ricercatori dello SWOG Cancer Research Network hanno avviato S1318, uno studio clinico di fase II che ha trattato pazienti più anziani con leucemia linfoblastica acuta Ph+, sia di nuova diagnosi sia con malattia recidivanta o refrattaria, utilizzando una nuova combinazione che ha aggiunto il farmaco immunoterapico Blinatumomab ( anticorpo bispecifico attivante le cellule T ) a Dasatinib ( inibitore TK ) e Prednisone ( corticosteroide ).

Lo studio ha arruolato 24 pazienti con leucemia linfoblastica acuta Ph+. È stato inserito un ulteriore paziente con leucemia linfoblastica acuta Ph-like con alterazioni genetiche sensibili al trattamento con Dasatinib.
Tutti i pazienti avevano 65 anni o più, non presentavano segni di malattia a carico del sistema nervoso centrale e avevano un'adeguata funzionalità degli organi.

I pazienti avevano ricevuto una terapia di induzione iniziale con Dasatinib e Prednisone. Coloro la cui leucemia linfoblastica acuta è andata in remissione completa hanno poi ricevuto una terapia post-remissione con Blinatumomab e Dasatinib. Se la leucemia linfoblastica acuta rimaneva in remissione completa, questi pazienti passavano alla terapia di mantenimento a lungo termine con Dasatinib e Prednisone.

I pazienti la cui leucemia linfoblastica acuta non è andata in remissione completa dopo la terapia di induzione iniziale ricevevano una terapia di reinduzione con uno o due cicli di Blinatumomab.
Se la leucemia linfoblastica acuta è andata in remissione completa, passavano alla terapia post-remissione e alla fine, se la leucemia linfoblastica acuta rimaneva in remissione completa, alla terapia di mantenimento a lungo termine.

Dei 25 pazienti, 23 ( 92% ) hanno raggiunto la remissione completa durante la terapia di induzione. Di questi 23 pazienti, 16 sono stati valutati per la malattia minima residua ( MRD ) al giorno 28 del trattamento; 5 di questi 16 pazienti ( 31% ) non hanno mostrato evidenza di malattia MRD.

Con un tempo mediano di follow-up per i pazienti dello studio ancora vivi di 1.7 anni, è stato stimato un tasso di sopravvivenza libera da malattia a 3 anni dell'80% e un tasso di sopravvivenza globale a 3 anni dell'85% per i pazienti arruolati nello studio.

La stima della sopravvivenza senza malattia è migliorata rispetto al trattamento con Dasatinib e steroidi da soli, e i risultati sono incoraggianti.
Saranno necessari ulteriori follow-up per determinare la durata di questi risultati.

Durante la terapia di induzione, 2 pazienti hanno manifestato tossicità non-ematologiche di grado 4 correlate al trattamento.
Non si sono verificate tossicità non-ematologiche di grado 4 o superiore correlate al trattamento durante la terapia post-remissione o di mantenimento. ( Xagena2021 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Annual Meeting, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro