Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare

Espressione di CD123 associata a caratteristiche di malattia ad alto rischio nella leucemia mieloide acuta infantile: un rapporto del Children's Oncology Group


L'aumento dell'espressione sulla superficie di CD123 è stata associata a caratteristiche della malattia ad alto rischio nella leucemia mieloide acuta ( AML ) dell'adulto, ma non è stata ben caratterizzata nella leucemia mieloide acuta infantile.
In uno studio, è stata definita l'espressione di CD123 e le caratteristiche cliniche associate in una coorte trattata in modo uniforme di pazienti pediatrici con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi arruolati nello studio di fase III del Children's Oncology Group AAML1031.

I blasti di leucemia mieloide acuta all'interno di campioni diagnostici di midollo osseo ( n=1.040 ) sono stati analizzati prospetticamente per l'espressione della proteina CD123 mediante immunofenotipizzazione con citometria a flusso multidimensionale in un laboratorio clinico centrale.
I pazienti sono stati stratificati come a basso o ad alto rischio sulla base di alterazioni citogenetiche e molecolari associate alla leucemia e livelli di malattia residua misurabili alla fine dell'induzione.

La popolazione dello studio è stata suddivisa in quartili basati sull'espressione di CD123 ( n=260 ciascuno ) per l'analisi.
Quelli con la più alta espressione di CD123 ( quartile 4, Q4 ) avevano una maggiore prevalenza di riarrangiamenti KMT2A ad alto rischio e mutazioni FLT3-ITD ( P minore di 0.001 per entrambi ) e una minore prevalenza di mutazioni a basso rischio t( 8;21 ), inv( 16 ) e CEBPA ( P minore di 0.001 per tutti ).

I pazienti nei quartili di espressione di CD123 inferiori ( Q1-3 ) avevano un rischio di recidiva, sopravvivenza libera da eventi e sopravvivenza globale simili.
Per contro, i pazienti Q4 avevano un rischio di recidiva significativamente più alto ( 53% vs 39%, P minore di 0.001 ), una sopravvivenza libera da eventi inferiore ( 49% vs 69%, P minore di 0.001 ) e una sopravvivenza globale inferiore ( 32% vs 50%, P minore di 0.001 ) rispetto ai pazienti Q1-3.

CD123 ha mantenuto un significato indipendente per gli esiti quando tutti i marcatori citogenetici e molecolari contemporanei noti ad alto rischio sono stati incorporati nell'analisi di regressione di Cox multivariabile.

CD123 è fortemente associato ad alterazioni citogenetiche e molecolari rilevanti per la malattia nella leucemia mieloide acuta infantile.
Il CD123 è un biomarcatore critico e un promettente target immunoterapeutico per i bambini con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria, data la sua espressione prevalente e l'arricchimento nei pazienti con alterazioni genetiche ad alto rischio e risultati clinici inferiori con la terapia convenzionale. ( Xagena2022 )

Lamble AJ et al, J Clin Oncol 2022; 40: 252-261

Emo2022 Onco2022



Indietro