Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
GSK Ematologia

Risposte durevoli e bassa tossicità dopo terapia CAR-T diretta contro CD19 con rapido off-rate negli adulti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B recidivante o refrattaria


La prognosi per la leucemia linfoblastica acuta a cellule B ( B-ALL ) dell'adulto è sfavorevole e attualmente non esistono terapie autorizzate per il recettore chimerico dell'antigene ( CAR ) CD19.
È stato sviluppato un nuovo CD19-CAR di seconda generazione ( CAT19-41BB-Z ) con un rapido off-rate, progettato per un'attivazione più fisiologica delle cellule T per ridurre la tossicità e migliorare l'attecchimento.

E' stato descritto lo studio multicentrico di fase I ALLCAR19 di cellule CAR-T autologhe CAT19-41BB-Z ( AUTO1 ) in adulti con leucemia B-ALL recidivante o refrattaria ( r/r ).
Erano eleggibili i pazienti di età maggiore o uguale a 16 anni con leucemia B-ALL r/r.

Gli esiti primari erano la tossicità e la fattibilità della produzione. Gli esiti secondari erano la profondità della risposta a 1 e 3 mesi, la persistenza di CAR-T, l'incidenza e la durata dell'ipogammaglobulinemia e dell'aplasia delle cellule B e la sopravvivenza libera da eventi e la sopravvivenza globale a 1 e 2 anni.

In tutto sono stati sottoposti a leucoaferesi 25 pazienti, sono stati fabbricati 24 prodotti e 20 pazienti sono stati infusi con AUTO1.
L'età media era di 41.5 anni; il 25% aveva ricevuto precedentemente Blinatumomab, il 50% Inotuzumab Ozogamicin e il 65% un precedente trapianto di cellule staminali allogeniche.

Al momento del precondizionamento, il 45% aveva il 50% o più di blasti del midollo osseo. Nessun paziente ha manifestato sindrome da rilascio di citochine di grado superiore o uguale a 3; 3 su 20 ( 15% ) pazienti hanno manifestato neurotossicità di grado 3 che si è risolta fino al grado 1 o inferiore entro 72 ore con gli steroidi.

In tutto 17 pazienti su 20 ( 85% ) hanno ottenuto una risposta completa negativa alla malattia residua minima al mese 1, e 3 pazienti su 17 sono stati sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali durante la remissione.
La sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) a 6 e 12 mesi è stata rispettivamente del 68.3% e del 48.3%.

Espansione di alto livello ( Cmax 127.152 copie/microg di DNA genomico ) e persistenza duratura di cellule CAR-T sono state osservate con aplasia delle cellule B, in corso, in 15 dei 20 pazienti all'ultimo follow-up.

AUTO1 ha dimostrato un profilo di sicurezza tollerabile, alti tassi di remissione e un'eccellente persistenza nella leucemia B-ALL r/r degli adulti.
I dati preliminari supportano l'ulteriore sviluppo di AUTO1 come trattamento autonomo per leucemia linfoblastica acuta a cellule B, recidivata / refrattaria, negli adulti. ( Xagena2021 )

Roddie C et al, J Clin Oncol 2021; 39: 3352-3363

Emo2021 Onco2021 Med2021



Indietro