GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
Janssen Oncology

Alcuni pazienti con leucemia mieloide acuta secondaria a neoplasie mieloproliferative possono trarre beneficio da Venetoclax in combinazione con un agente ipometilante


I risultati di un piccolo studio di coorte, retrospettivo, hanno mostrato che la combinazione dell'inibitore BCL2 Venetoclax ( Venclyxto ) con un agente ipometilante ( HMA ) può rappresentare un'opzione terapeutica per i pazienti che sviluppano leucemia mieloide acuta ( AML ) secondaria a una neoplasia mieloproliferativa ( MPN ).

Le neoplasie mieloproliferative negative al cromosoma Philadelphia, che includono la policitemia vera ( PV ), la trombocitemia essenziale ( ET ) e la mielofibrosi primaria ( PMF ), sono disordini clonali che provocano la proliferazione di cellule mieloidi nel midollo osseo.
Sia la policitemia vera che la trombocitemia essenziale possono progredire verso la mielofibrosi secondaria che, insieme alla mielofibrosi primaria, possono progredire a leucemia mieloide acuta secondaria, nota anche come fase blastica di MPN ( MPN-BP ).

Inoltre, la fase blastica di MPN, definita in questo studio come associata a blasti periferici o del midollo osseo di almeno il 20%, non è sensibile alla chemioterapia intensiva, e gli esiti clinici per i pazienti con questa malattia sono molto sfavorevoli.
La sopravvivenza globale ( OS ) mediana è solo di 3-5 mesi, e il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) è l'unica opzione curativa per questi pazienti.

Venetoclax in combinazione con un agente ipometilante, Azacitidina, Decitabina oppure Citarabina a basso dosaggio, ha recentemente ricevuto l'approvazione regolare da parte della Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense per il trattamento degli adulti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi che hanno almeno 75 anni o non sono in grado di tollerare la chemioterapia intensiva.

Tuttavia, i pazienti con fase blastica di MPN sono stati esclusi dagli studi di fase 3 VIALE-A e VIALE-C, che hanno valutato Venetoclax in combinazione, rispettivamente, con Azacitadina e Citarabina a basso dosaggio nella leucemia mielode acuta di nuova diagnosi.

Il nuovo studio ha incluso 8 pazienti con fase blastica di MPN e 1 con fase accelerata di MPN ( MPN-AP ), definiti come blasti periferici o del midollo osseo dal 10% al 19%, associati a citogenetica ad alto rischio, che sono stati trattati al Icahn School of Medicine - Mount Sinai a New York ( Stati Uniti ).
La maggior parte dei pazienti in questa coorte aveva una malattia recidivante / refrattaria ed era stata sottoposta a precedenti terapie.

Tre pazienti trattati con la combinazione di Venetoclax più Decitabina o Azacitidina hanno presentato risposta completa ( CR ) o risposta completa associata a un recupero ematologico incompleto ( CRi ).
Inoltre, la stabilità della malattia come migliore risposta è stata ottenuta da 2 ulteriori pazienti che hanno ricevuto questo trattamento.
Due dei 3 pazienti che hanno raggiunto una risposta CR/CRi avevano avuto una recidiva della malattia durante una precedente terapia con agente ipometilante.

L'applicazione di questo approccio terapeutico come terapia ponte fino al trapianto HSCT in 3 pazienti che hanno raggiunto risposta completa, risposta CRi o malattia stabile, è risultata associata a non-decesso a un follow-up mediano di 8.5 mesi, contro 4.2 mesi per la coorte complessiva.

Di contro, in questa coorte di pazienti sono stati osservati tassi elevati di sanguinamento e infezione di grado 3 o superiore, rispettivamente in 5 e 7 pazienti.
Data la propensione a citopenie prolungate con conseguenti complicanze, si dovrebbe usare cautela nei pazienti con citopenie al basale.

Secondo gli Autori questo è il report più ampio sull'uso di Venetoclax nei pazienti con fase blastica / fase accelerata di neoplasie mieloproliferative, ed indica che questa strategia terapeutica è una opzione di trattamento praticabile in questo gruppo ad alto rischio, eleggibile per il trapianto di cellule staminali ematopoietiche. ( Xagena2020 )

Fonte: Leukemia Research, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro